Capitolo 133: Luce contro Oscurità

Velen e Turalyon ricondussero le loro forze alla Vindicaar dove discussero degli eventi recenti. Il Profeta, tuttavia, sospettava che il naaru L’ura avesse completato la sua “trasformazione” in un naaru oscuro e che questo sarebbe stato un grosso ostacolo per la Cresta della Conoscenza.

Ma proprio mentre il draenei stava per guidare una spedizione al Seggio del Triumvirato, un altro eroe leggendario dell’Alleanza entrò in scena. Alleria Windrunner fece la sua comparsa, comunicando al Profeta di aver esplorato la zona e di aver rilevato che l’energia del Vuoto di L’ura aveva attirato un esercito di creature del Vuoto nel tempio.

Alleria espose quindi un piano per far breccia nella Sede del Triumvirato, ma esso avrebbe richiesto la presenza di uno degli eroi di Azeroth per aiutarla. Velen approvò il piano dell’ex Generale Ranger e così quest’ultima e l’eroe si recarono alle Rovine di Oronaar per indagare. I due trovarono quest’ultime piene dell’influenza del Vuoto, assistendo anche ai tentativi dell’Eco dell’eredar Arkhaan di impedire che la sua comunità venisse corrotta.

Successivamente, Alleria e il suo compagno trovarono lo Spezzato Arkhaan, l’ultimo sacerdote non corrotto di Oronaar. Il Generale Ranger e l’eroe di Azeroth cercarono di ripristinare una parvenza di sanità mentale nel sacerdote, ripulendo le vicine Manifestazioni del Vuoto e uccidendo uno Spezzato soggiogato dalle energie oscure che un tempo faceva parte della sua comunità. Dopo essersi ripreso un po’ dalla sua follia, Arkhaan si ricordò di un piano che credeva avrebbe portato alla sua salvezza. Alleria e l’eroe lo seguirono così nella zona chiamata Isolon, la quale sembrava stesse in qualche modo “richiamando” il sacerdote e che era infestata da Spezzati corrotti. L’eredar si fece guidare dalle voci che sentiva, le quali lo condussero alla Lacrima del Vuoto, seguito da Alleria e dall’eroe. Proprio questa Lacrima trasportò il trio in un regno del Vuoto, dove l’Etereo Viceré Nezhar corruppe Arkhaan, lasciando all’ex Generale Ranger ed al suo compagno ben poca scelta se non quella di uccidere il sacerdote, ormai corrotto, mentre lo stesso Nezhar fuggiva. Dopo che Arkhaan venne ucciso, Alleria e l’eroe furono riportati a Isolon da un altro Etereo, il Locus-Walker.

La Windrunner presentò quest’ultimo come il proprio mentore nelle Vie del Vuoto, affermando che anche lui aveva indagato sulle macchinazioni della Guardia dell’Ombra ad Argus.

Successivamente, anche il Locus-Walker creò una Lacrima del Vuoto, ed Alleria insieme all’eroe lo seguirono alle Caverne dell’Ombra, dove i tre videro degli Eterei del Vuoto che si preparavano a corrompere tutta Argus con il loro maligno potere.

Quella visione convinse Alleria che avrebbe dovuto finire il suo addestramento con il Locus-Walker il prima possibile, in modo tale da dominare le forze del Vuoto. Il Locus-Walker, Alleria e l’eroe iniziarono quindi a interrompere gli sforzi della Guardia dell’Ombra, disattivando i suoi portali e decimando i suoi ranghi, incluso il Generale Zah’d.

Per la fase successiva dell’addestramento di Alleria, il Locus-Walker incaricò l’elfa di uccidere la creatura chiamata Nhal’athoth e di assorbire l’energia del Vuoto dal suo cuore. Dopo aver portato a termine il suo compito, la Windrunner inviò l’eroe a consegnare il residuo della creatura a Velen, approfittando dell’occasione per raccontargli ciò che avevano appreso sulle incursioni nel Vuoto.

Nel frattempo, la stessa Alleria partì alla volta della Sede del Triumvirato per iniziare la fase successiva del suo addestramento. Dalle informazioni raccolte dall’eroe di Azeroth, Velen giunse alla conclusione che la Luce e l’Oscurità dovevano coesistere. Il Profeta capì che l’Essenza dell’Ombra prelevata dai resti di Nhal’athoth era esattamente ciò di cui i difensori di Azeroth e di Argus avevano bisogno per riportare l’equilibrio nel Crogiolo di Netherlight, fornendo il vantaggio che sarebbe stato fondamentale contro la Legione Infuocata.

Con il Crogiolo potenziato, le armi dei campioni della Vindicaar poterono da quel momento essere intrise sia dei poteri della Luce che di quelli dell’Oscurità…

IN ALTO: Alleria Windrunner utilizza i poteri del Vuoto. Illustrazione di Eugene Rudakov