Shadowlands: tra misteri e possibili ritorni

Continuano ad emergere nuovi elementi di storia dall’ultima patch di Shadowlands, la 9.2.5. Pochi giorni fa vi abbiamo raccontato i grossi eventi che quest’epilogo ha messo in atto, ma c’è anche qualche piccola chicca che coinvolge altri personaggi e che vogliamo condividere con voi nell’articolo di oggi.

Ritorno per Ysera?

La prima di queste chicche riguarda il possibile ritorno di un personaggio molto amato dalla community di World of Warcraft: Ysera. Dopo la questline che vede il dono della Regina dell’Inverno a Tyrande infatti, avviene anche un dialogo tra l’Alta Sacerdotessa di Elune ed il drago verde. All’inizio di Shadowlands abbiamo scoperto come l’Aspetto del Sogno sia adesso legato al regno dei morti, ma come stiamo per vedere, questo dialogo lascia una porta aperta ad un possibile ritorno di Ysera su Azeroth:

Tyrande: “La Regina d’Inverno ha definito il suo dono un seme. Ysera, mia adorata amica, potrebbe davvero essere così?”

Ysera: “Sì. Sento che questo seme è toccato dal Sogno oltre che da Selvarden. Un simbolo del cruciale equilibrio tra la vita e la morte. Conosco un posto in cui può essere protetto, ma… è passato così tanto tempo… Porta il seme a mia figlia. Merithra saprà dove dovrebbe essere portato.

Shandris: “Non tornerai su Azeroth con noi? Sicuramente la Regina dell’Inverno ti permetterà di…”

Ysera: “Quando la Regina ha usato la sua stessa essenza per resuscitarmi dal semebrado, ha legato la mia anima a questo regno. Non posso lasciarlo. Non senza grande sacrificio.”

Tyrande: “Allora dicci il prezzo e sarà pagato.”

Ysera: “No, amiche mie. I Kaldorei hanno bisogno di voi al loro fianco ancora una volta. Se Elune lo vorrà, solcherò di nuovo i cieli di Azeroth… un giorno.”

Con questo dialogo quindi viene lasciata aperta la porta per un possibile ritorno di Ysera su Azeroth in futuro. Ma è altrettanto interessante porre l’attenzione dove viene discusso cosa fare con il seme donato dalla Regina dell’Inverno a Tyrande. Ysera dice all’Alta Sacerdotessa di conoscere “un posto in cui può essere protetto” e di portare lo stesso seme a sua figlia, Merithra. Come sappiamo, quest’ultima avrà un ruolo importante nella nuova espansione Dragonflight e verrebbe quindi da pensare che il luogo di cui parla Ysera possano essere le Isole del Drago.

Il mistero di Ve’nari

Oltre alla questione Ysera, c’è poi anche un piccolo mistero in questa 9.2.5, che riguarda un personaggio molto interessante di Shadowlands che tuttavia ha avuto davvero poco spazio nelle ultime patch: Ve’nari.

Il personaggio di Ve’nari è stato di grande aiuto per gli eroi di Azeroth durante i loro primi passi all’interno della Fauce, e la sua storia si è interrotta alla fine di Catene del Dominio, quando lei stessa ci confessava l’intenzione di mettersi alla ricerca di Zereth Mortis. Tuttavia, Ve’nari è stata stranamente assente durante tutta Fine dell’Eternità, ma con l’arrivo della 9.2.5, ci troviamo davanti ad un vero e proprio giallo. Se infatti ci rechiamo nel posto in cui era solita stazionare la nostra broker, noteremo la sua assenza, trovando al suo posto solo un suo eco. Parlando a quest’eco scopriremo che Ve’nari è riuscita ad arrivare a Zereth Mortis, ma una volta recatici nel luogo creato dai Primi, troveremo anche il suo cadavere…

Tuttavia, grazie a chi ha sviluppato Ingegneria come professione, scopriremo l’apparente “scena del delitto” mostra alcune incongruenze, implicando il fatto che quello che abbiamo davanti potrebbe essere un falso. Cosa sarà successo quindi a Ve’nari? Sarà davvero arrivata a Zereth Mortis? E chi o cosa potrebbe averla attaccata, e perché? Queste domande sono ad oggi senza risposta e speriamo davvero che questa piccola storyline possa avere un seguito, che ovviamente noi non tarderemo a condividere con voi!

Illustrazione in evidenza di Alinery