La Battaglia di Darrowshire

Quella che passò alla storia come la Battaglia di Darrowshire fu un conflitto avvenuto durante Terza Guerra nel Regno di Lordaeron tra una forza di resistenza umana ed un grande esercito di non morti del Flagello.

In quei giorni, molti cittadini del Regno di Lordaeron furono infettati dalla Piaga della Non Morte, la quale, per mezzo del grano, trasformò le persone in zombie, ingrossando le fila di quello che veniva chiamato con il nome di “Flagello”. Quando questo macabrò esercito iniziò a crescere, molti dei principali insediamenti furono minacciati e l’Alleanza si adoperò per difendere il suo popolo. Il punto di rottura, tuttavia, si rivelò essere il ritorno del principe Arthas Menethil da Northrend, il quale ucciso suo padre, Re Terenas, e spalancò le porte del regno ai non morti.

Mentre gli eserciti del Flagello invadevano Lordaeron, numerosi villaggi e insediamenti furono sopraffatti, con centinaia di persone che vennero uccise e molto successivamente rianimate. Molti di questi villaggi cercarono di resistere, combattendo il nemico, e tra questi ve ne era uno in particolare, quello di Darrowshire, situato nell’est del regno. Darrowshire si trovò però in una situazione ben più difficile degli altri villaggi, poiché ad un certo punto fu tagliato fuori dal resto delle forze dell’Alleanza.

Davil Crokford l’eroe di Darrowshire. Immagine ufficiale Blizzard.

Sebbene fosse isolato però, il villaggio non era indifeso. Una compagnia di truppe dell’esercito di Lordaeron arrivò in loco per difendere la popolazione, e queste truppe insieme alla formazione di una milizia di residenti di Darrowshire guidati dal capitano Joseph Redpath, portò l’insediamento a diventare un baluardo della resistenza regionale contro l’assalto dei non morti.

Così, mentre i difensori di Darrowshire si preparavano a proteggere il villaggio ed i suoi abitanti per tutto il tempo necessario, il Flagello lanciò i suoi primi attacchi. Queste incursioni iniziali non furono particolarmente pesanti ed erano principalmente costituiti da attacchi di gruppi di scheletri i quali furono rapidamente respinti. Ben presto, tuttavia, i non morti iniziarono a lanciare assalti più determinati. Una grande seconda ondata, composta principalmente da potenti ghoul e guidata dal Signore dei Ghoul Horgus il Devastatore, emerse in gran numero dalle colline e caricò le forze che proteggevano il villaggio.

Non morti all’attacco di Darrowshire. Illustrazione ufficiale Blizzard.

Quando i difensori di Darrowshire iniziarono a sentirsi sopraffatti, ecco che in loro aiuto arrivò un potente alleato. Un contingente di paladini del Silver Hand partì per l’insediamento dopo aver saputo dell’imminente attacco. Guidati da Davil Crokford (il quale era nativo proprio di Darrowshire), gli sforzi dei paladini riuscirono a rinforzare le truppe umane ed a tenere a bada i non morti. Per rispondere a questa svolta, lo stesso Horgus entrò in scena e si scontrò con Crokford sul campo di battaglia. Dopo un acceso e lungo duello, il paladino riuscì a uccidere il Signore dei Ghoul, ma subì gravi ferite che lo portarono alla morte poco tempo dopo.

Nonostante la morte di quelli che potevano essere considerati i “campioni” dei due schieramenti, la battaglia continuò a imperversare, con il capitano Redpath che assunse il ruolo di leader degli umani mentre guidava coraggiosamente la sua milizia. A questo punto, tuttavia, il nuovo leader dei non morto nella forma del cavaliere della morte chiamato Marduk il Nero si avvicinò a Redpath nel mezzo della mischia. Quello che Marduk compì quel giorno fu qualcosa di spaventoso. Egli, usando i suoi poteri oscuri, strappò lo spirito di Radpath dal suo corpo e successivamente lo contorse e lo corruppe dando vita ad un’ombra mostruosa con le sembianze dell’ex capitano.

Marduk il Nero, campione del Flagello. Immagine ufficiale Blizzard.

L’ombra di Radpath diffuse poi la propria corruzione alla maggior parte degli altri difensori, trasformando anche loro in servitori del Flagello. Con la loro volontà venuta meno, le truppe che avevano combattuto così duramente e coraggiosamente per preservare Darrowshire si avventarono su di essa in una frenesia contorta. I difensori corrotti procedettero così a massacrare tutti gli abitanti del villaggio, molti dei quali hanno cercarono invano rifugio nelle loro case.

Una volta conclusi i combattimenti ed il massacro, Marduk e il suo esercito lasciarono il villaggio in uno stato di rovina, portando con sé la testa di Horgus. Le forze vittoriose irruppero successivamente nel resto di Lordaeron, continuando la guerra del Re dei Lich contro tutti gli esseri viventi.

Da allora, Darrowshire è in rovina, un luogo desolato dove aleggiano solo fantasmi e marciume. Molti di coloro che caddero in difesa del villaggio furono rianimati come ghoul e si diffusero in quelle che sarebbero diventate le Terre Infette Orientali, con i loro spiriti intrappolati per anni nel dolore e nel tormento.

Colui che era diventato Redpath il Corrotto, fu infine sconfitto a Gahrron’s Withering nelle ad est di Andorhal, mentre Marduk il Nero sopravvisse, anche se la sua lama fu distrutta in combattimento con un capitano nano vicino a Corin’s Crossing. Egli si ritirò quindi a Caer Darrow, diventata ormai nota con il nome di Scholomance.

Le rovine di Darrowshire. Immagine ufficiale Blizzard.

IN ALTO: Fantasmi a Darrowshire. Illustrazione di y-cyhiraeth