Capitolo 76: Il ritorno di Deathwing

Le grandi tensioni politiche tra Alleanza ed Orda ed i cambiamenti nelle leadership all’interno delle due fazioni non furono che il preludio di un epocale sconvolgimento che attendeva il mondo di Azeroth. Ben presto infatti, le improvvise e potenti calamità che avevano colpito il pianeta in quel periodo trovarono una risposta.

Quest’ultima si trovava nascosta all’interno del Tempio della Terra nel cuore di Rocciafonda, una delle regioni del Piano Elementale fino a quel momento parallelo a quello materiale. Fu qui, all’interno di questo misterioso dominio, che l’Aspetto della Morte, Deathwing , trascorse gli ultimi 10000 anni, riprendendosi dalle ferite della sua ultima battaglia contro le forze di Azeroth. Durante questo periodo di ripresa, il clan del Martello del Crepuscolo si alleò con lui, forgiando per Deathwing una nuova armatura di piastre di elementio, un metallo incredibilmente resistente che venne successivamente attaccata all’Aspetto Draconico affinché tenesse unito il suo corpo, ancora gravemente ferito dall’uso dell’Anima dei Draghi durante la Guerra degli Antichi.

Negli ultimi anni intanto, i sussurri degli Old Gods nei confronti di Deathwing erano peggiorati; il terribile potere di quest’ultimo aumentò costantemente quando C’Thun e Yogg-Saron si liberarono dalle loro prigioni e la loro crescente influenza amplificò di 10 volte il potere già spaventoso dell’Aspetto della Morte. Così, quando ogni preparativo venne ultimato, Deathwing fece il suo grande ritorno. Quest’evento fu di una portata talmente spaventosa da creare una spaccatura tra il Piano Elementale ed Azeroth causando simultaneamente violentissimi terremoti, eruzioni vulcaniche e inondazioni. Intere regioni vennero completamente rase al suolo, altre furono sommerse dalle acque degli oceani ed altre ancora tornarono alla luce dopo migliaia di anni. Perfino la capitale dell’Alleanza di Stormwind non venne risparmiata da quest’evento, con Deathwing in persona che distrusse i cancelli della città, danneggiò la Valle degli Eroi e spazzò via l’intero parco naturale.

Una nuova, terribile minaccia attendeva ora il mondo di Azeroth, il quale aveva appena assistito ad un evento che molti arrivarono persino a definire una “seconda Grande Separazione”. Un evento che passò alla storia con il nome di “Cataclisma”.

Illustrazione immagine in evidenza ufficiale Blizzard