Capitolo 100: Il principe Anduin e la Campana Divina

Dopo aver saputo dell’acquisizione da parte dell’Orda della Campana Divina, il principe Anduin Wrynn iniziò a cercare un mezzo per contrastare il suo potere. La sua ricerca lo portò a conoscenza di un oggetto noto come il Maglio Armonico. Secondo le leggende di Pandaria, questo artefatto era stato visto per l’ultima volta nelle mani del Re delle Scimmie, un hozen il quale fu amico di Shaohao, l’ultimo Imperatore di Pandaria. La tomba del Re si trovava a sua volta nella Tomba dei Conquistatori, dove lui e il suo avversario Mogu, chiamato “Il Guerriero di Giada” erano stati “pietrificati proprio nella giada.”

Anduin scoprì un incantesimo per liberare il Re delle Scimmie dalla prigione di giada, ma così facendo liberò anche il Guerriero. Un eroe dell’Alleanza tuttavia riuscì a sconfiggere il Guerriero di Giada, e così il Re Scimmia chiese a questo campione di risolvere i suoi tre indovinelli in cambio della rivelazione del luogo in cui si trovava il Maglio Armonico, uno strumento usato dai ribelli Pandaren nei tempi antichi per contrastare la Campana Divina trasformando il potere distruttivo di quest’ultima in pura armonia.

Dopo aver risolto tutti i suoi enigmi però, il Re delle Scimmie rivelò che egli doveva rompere il Maglio e mandò i suoi servi a nasconderne i pezzi negli angoli più remoti di Pandaria per impedire che cadesse nelle mani dei Mogu. Anduin ed il campione dell’Alleanza non ebbero quindi altra scelta se non quella di mettersi a cercare i pezzi del Maglio per ricomporlo.

Intanto, la notizia che le forze dell’Orda si stavano ammassando in gran numero ad Emperor’s Reach raggiunse i comandi dell’Alleanza. Era ormai chiaro che Garrosh avesse intenzione di usare la Campana Divina. Sapendo di non aver più tempo, Anduin rubò il Maglio Armonico e andò a fermare Garrosh personalmente.

Intanto, il Warchief pronunciò un discorso sul grande destino dell’Orda e su come avrebbe utilizzato la Campana Divina per cancellare la debolezza dai suoi Orchi e creare la più forte Orda mai esistita.

Dopo di ciò, Garrosh suonò la Campana Divina ed il potere dello Sha assalì i suoi Kor’kron. Immediatamente, il principe Anduin Wrynn intervenne, cercando di dissuadere Garrosh dall’usare il potente artefatto. Tuttavia, le parole del Principe di Stormwind caddero inascoltate ed Hellscream usò nuovamente la Campana per infestare del potere dello Sha il suo campione Ishi, che il campione dell’Alleanza si vide costretto a combattere e sconfiggere.

Nel frattempo, sebbene Garrosh incoraggiò le sue truppe a dominare quello che era il potere dell’Old God Y’shaarj, alla fine nessuno dei suoi campioni fu in grado di farlo. Dopo la cruenta battaglia che ne seguì, Anduin usò il Maglio Armonico per trasformare il caos generato della Campana Divina in pura armonia. Questo stordì momentaneamente Garrosh ma solo dopo qualche secondo egli colpì la Campana e la distrusse, facendo cadere le sue macerie sul principe Anduin. L’impatto della Campana ebbe l’effetto di frantumare le ossa del Principe.

Ritenendo Anduin morto, Garrosh lasciò andare il campione dell’Alleanza per riferire il destino del figlio a Re Varian, illustrando in tal modo il prezzo della sua continua sfida. Tuttavia, il campione scoprì che Anduin era ancora in vita e recuperò il suo corpo spezzato dalle rovine. Usando un razzo di segnalazione per l’evacuazione immediata del posto, i due volarono ad Approdo del Leone dove Varian si prese cura di suo figlio, ordinando che il Profeta Velen venisse immediatamente convocato in loco.

L’attacco ad Anduin fu la goccia che fece traboccare il vaso e sia Varian che Jaina Proudmoore giurarono di far pagare a Garrosh i suoi crimini.

Illustrazione in evidenza ufficiale Blizzard