Stormwind

Nessuna città è simbolo della determinazione umana meglio di Stormwind.

Distrutta durante la prima invasione dell’Orda su Azeroth, Stormwind fu accuratamente ricostruita dalla Gilda degli Tagliapietre guidata dal capomastro Edwin VanCleef, dopo la Seconda Guerra. Parti della città furono rase al suolo quando Deathwing, il nero Aspetto della Morte, attaccò Stormwind durante il suo spettacolare ritorno su Azeroth, ma gli altri distretti non danneggiati sono tutt’oggi più belli che mai grazie ai loro abitanti laboriosi. Dalla magnifica Cattedrale della Luce, che funge da importante centro spirituale, alla maestosa Valle degli Eroi, sicuramente il posto più suggestivo della città che commemora i sacrifici dei leali campioni dell’Alleanza, creduti dispersi durante la spedizione sull’allora pianeta Draenor.

Dopo la caduta di Lordaeron, Stormwind divenne la principale capitale dell’Alleanza, sede dell’Alto Re della stessa. La grande città è governata da generazioni dalla dinastia dei Wrynn.

Re Llane Wrynn fu il monarca al tempo della Prima Guerra e fu assassinato dalla mezz’orchessa Garona. A seguito della ricostruzione della città, il figlio Varian gli succedette e regnò fino alla disastrosa battaglia delle Isole Disperse, dove perse la vita insieme a molti altri grandi eroi.

Attualmente, Stormwind è governata da Re Anduin Wrynn, figlio di Varian che succedette al padre alla sua morte.

Ma non solo, anche altri grandi personaggi della storia provengono dalla città di Stormwind. Tra questi si ricordano l’ultimo Re dei Lich, Bolvar Fordragon, il grande mago Medivh, ed il leggendario comandante Anduin Lothar (fonte d’ispirazione del nome dell’attuale Alto Re dell’Alleanza).

Illustrazione immagine in evidenza ufficiale Blizzard