Le Terre Spettrali

Un tempo parte della Foresta di Contoeterno, il fiume Elrendar era tutto ciò che separava le foreste meridionali di Quel’Thalas dal bosco settentrionale. Il suo insediamento più grande era Tranquillien e la regione ospitava la dimora di una delle più rinomate famiglie della società degli Alti Elfi. i Windrunner.

In questo luogo, si trovava inoltre anche l’ingresso principale a Quel’Thalas ovvero il Passaggio Thalassiano nel sud della regione.

Le Terre Spettrali ricevettero il proprio nome durante la Terza Guerra, durante la quale il Flagello dei Non-morti invase Quel’Thalas sotto la guida del Cavaliere della Morte Arthas Menethil, che seminando morte e distruzione si fece strada attraverso i boschi elfici. Durante l’invasione, moltissimi elfi furono uccisi, le magiche Pietre Guardiane furono distrutte, i loro custodi assassinati e l’intero bosco meridionale cadde sotto la corruzione del Flagello. La maggior parte, se non tutti gli insediamenti elfici furono letteralmente rasi al suolo durante l’invasione, per non essere ricostruiti o “purificati” se non molti anni dopo. Città e villaggi furono attaccati senza la minima pietà ed i negromanti del Flagello procedettero subito dopo con la rianimazione degli elfi caduti. Disperati, sotto il Generale Ranger Sylvanas Windrunner, i Lungopasso iniziarono una feroce ma impossibile lotta contro il Flagello e furono costretti in poco tempo a ripiegare verso nord. Tuttavia, essi non riuscirono a sfuggire alla morte.

Le Terre Spettrali sono tutt’ora afflitte dalla pesante corruzione che il Flagello ha lasciato dopo il suo passaggio, ed i fantasmi dei caduti in quei terribili giorni infestano ancora oggi gran parte di quelli che furono gli insediamenti elfici, ormai ridotti in stato di rovina.

A sud delle Terre Spettrali si trova anche la base principale della tribù dei Troll Amani, Zul’aman.

Illustrazione in evidenza ufficiale Blizzard